Piacenza, Chiesa abbaziale di San Sisto


Organo di Giovanni Battista Facchetti (1544/55) con interventi di Carlo e Giuseppe Lanzi (1686), Cesare Gianfrè (1840) e Gaetano Ferranti (1896). Restaurato dalla ditta "Mascioni" nel 1990.


Dotato di una tastiera a finestra (risalente al XIX sec.) di 50 tasti (estensione da Do1 a Fa5) con prima ottava scavezza e divisione Bassi/Soprani tra Si2 e Do3; le coperte dei tasti diatonici sono in osso, quelle dei cromatici in ebano.


Possiede una pedaliera a leggìo (pure risalente al XIX sec.) di 18 note (estensione da Do1 a La2) con prima ottava scavezza e costantemente unita alla tastiera.


Inserimento dei registri a manetta con incastro laterale e movimento da destra a sinistra; le targhette a stampa asono state pplicate in occasione del restauro del 1990.


Disposizione fonica


Principale [16']

Ottava Bassi

Ottava Soprani

Quintadecima Bassi

Quintadecima Soprani

Decimanona

Vigesimaseconda

Vigesimasesta

Vigesimanona

Trigesimaterza

Trigesimasesta

Flauto in ottava [8']

Flauto in quintadecima

Flauto in decimanona

Fiffaro (va suonato assieme all’Ottava)

Contrabassi e Ottave


Pressione: 48 mm in colonna d’acqua; temperamento mesotonico; diapason: La2 (Quintadecima Bassi) 452 Hz a 20°.


Partecipa al nuovo forum in rete
Organi & Organisti
il forum di riferimento per gli organisti e gli appassionati d'organo italiani