BREVE STORIA dell'AIOC -

Associazione Italiana Organisti di Chiesa

 

Imola, 13-15 aprile 1993: nel convegno "L'organo italiano oggi e domani" sorge la necessità di un'associazione di organisti di chiesa.

Il 23 ottobre 1993 l'Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia chiamava a raccolta più di cento organisti presso il Conservatorio di Musica di Perugia per discutere sulla effettiva possibilità di costituire un'associazione di organisti liturgici avente lo scopo di favorirne la formazione in collaborazione con gli uffici liturgici nazionale e diocesani e di tutelarne la dignità professionale: dopo una ulteriore riunione a Bologna (16 aprile 1994) il 6 settembre 1994 veniva così ufficialmente fondata a Pistoia la "Associazione Italiana Organisti di Chiesa" e nominato il presidente nella persona di Edoardo Bellotti.

Dopo le dimissioni di quest'ultimo, il 6 giugno 1998 viene nominato presidente Renato Negri unitamente a Paolo Bottini segretario.

Scopo dell'AIOC: innanzitutto sensibilizzare le comunità cristiane italiane nei riguardi del servizio dell'organista di chiesa quale ministero essenziale, accanto agli altri ministeri, nella liturgia; inoltre far riconoscere ai fini economici il ruolo ministeriale dell'organista nella liturgia, per tutelarne la professionalità.

L'impegno dell'AIOC, in particolare, si è concretizzato nella proposta di una bozza per una CARTA DEI DIRITTI E DOVERI DELL'ORGANISTA, redatta a cura di Paolo Bottini, e del primo CONTRATTO DI LAVORO PER MUSICISTI DI CHIESA da stipularsi con la Conferenza Episcopale Italiana.

Dal 17 luglio 2007 fino allo scioglimento dell'associazione (dicembre 2011) il presidente è stato il M.° Comm. Giancarlo Parodi.


Partecipa al nuovo forum in rete
"Organi & Organisti
il forum di riferimento per gli organisti e gli appassionati d'organo italiani"